Intro

Dopo molti anni di inseguimenti e attese, si è presentata finalmente la possibilità di conciliare le mie due grandi passioni, Jean Michel Jarre egli aerei.

In occasione del 30°anniversario di OXYGENE (primo grandissimo album di successo dell'artista) , il musicista francese Jean Michel Jarre ha tenuto presso il "Theatre Marigny" di Parigi una serie di 10 concerti dove ha risuonato con gli strumenti originali della prima registrazione i brani di OXYGENE e alcune variazioni sul tema.

Quale occasione migliore per potersi fare una toccata e fuga a Parigi per assistere al concerto e provare l'esperienza di un volo low cost da Bergamo Orio al Serio.

Il mio compagno di viaggio sarà mio fratello Mauro e il giorno scelto per assistere al concerto è martedi 18 dicembre.

Il progetto inizia a fine novembre con l'acquisto dei biglietti aerei Ryanair a tariffa ultravantaggiosa: 20€ a testa andata e ritorno tutto compreso. Negli stessi giorni provvediamo all'acquisto dei biglietti per il concerto (4°fila in platea), i biglietti per il bus che ci porterà dall'aeroporto a Parigi e vicersa e a prenotare una doppia in hotel solo pernottamento.

La nostra toccata e fuga a Parigi prevede volo di andata il 18 con decollo alle 06:30 da Bergamo e rientro il 19 con il volo alle 10:30... togliendo le ore di Bus navetta da e per l'aeroporto abbiamo 21 ore a nostra disposizione sul territorio francese.

Partenza - Orio al Serio - Beauvais (Paris)

Dopo qualche notte insonne per l'emozione arriva il 18, il nostro volo parte alle 06:30 da Orio al Serio e alle 05:00 abbiamo parcheggiato e entriamo in aeroporto, non dopo aver scattato qualche foto dal parcheggio auto verso il parcheggio aerei.

Sono diversi gli erei che dormono in questo aeroporto, metto solo le due foto presentabili

Entriamo in aeroporto e a quell'ora è quasi inutile dire che era semideserto, passiamo al volo i controlli e raggiungiamo velocemente il nostro gate da dove scatto alcune foto

Mio fratello guarda con un po di timore queste macchine volanti, sarà il suo primo volo

Sono solo le 05 e 16 minuti, l'attesa è ancora lunga e intanto cominciano ad arrivare piano piano gli atri passeggeri del nostro volo.

Nell'attessa assistamo al deicing di quasi tutti gli aerei sul piazzale, e vediamo un discreto movimento di voli cargo in partenza e in arrivo.

Il nostro volo:
Flight: FR4231
from: BGY
to: BVA
Aircraft: B737-800 EI-DCH

Imbarco e decollo, tutto puntuale e veloce, non scatterò nessuna foto in volo visto che il nostro volo sarà tutto al buio. Del volo di andata mi rimane comunque il mio primo flight report (gentilmente consegnato dalla capocabina al comandante).

Il volo passa via liscio e veloce, l'unica nota è il decollo in direzione est con una salita piuttosto decisa.
All'atterraggio provo a scattare qualche foto ma mi viene impedito dalla rampista.
Risultato... una sola foto prima di essere richiamato all'ordine

Puntualissimo anche il bus che ci porterà a Parigi... speravo di poter fotografare l'alba in volo ma mi accontento di fotografarla dal Bus.

BGY-BVA 1 ora e 10 minuti 10€..... BVA-Parigi oltre 2 ore 13€

Torna all'indice>>

Parigi in 21ore

La prima foto con i piedi sul suolo parigino a Port Maillot (fermata dei bus che fanno spola con l'aeroporto di Beauvais)

Da qui cominciano le nostre 21 ore a Parigi e subito ci incamminiamo verso gli Champs Elysee... questo è Mauro mio fratello

Subito scorgiamo da lontano la Tour Eiffel, in serata arriveremo più vicini

Camminando verso gli Champs Elysee raggiungiamo il grandissimo "Arc de Triomphe"

La nostra meta è il teatro Marigny tra i giardini degli Champs Elysee dove questa sera ci sarà il nostro tanto desiderato concerto
Siamo alla ricerca di qualche locandina o manifesto del concerto

L'ingresso di servizio del teatro....

....e l'ingresso principale... con le locandine, i manifesti e l'insegna al neon.

Passiamo per la biglietteria del teatro e ritiriamo i nostri biglietti che avevamo acquistato via internet

Ora è venuto il momento di esplorare per quel che ci è possibile questa ridente cittadina francese.
La giornata è ancora lunga e abbiamo già camminato abbastanza; è ora di cominciare ad utilizzare le metropolitane parigine

Prima destinazione è il Louvre, che ovviamente, per motivi di tempo vedremo solamente dall'esterno

Io e mio fratello

Mamma mia quanto è grande

La Tour Eiffel è ancora lontana ma si possono intuire le sue dimensioni

Decidiamo di avventurarci alla ricerca della cattedrale di Notre Dame e la metropolitana è sicuramente uno dei mezzi più veloci e pratici

Dopo un panino veloce arriviamo alla conosciutissima cattedrale, che si presenta a noi in tutto il suo splendore e in tutta la sua grandezza

Ci prendiamo il lusso di visitarla anche....(le foto al buio e senza cavalletto sono sempre un disastro)

Sono già le 14 circa e decidiamo di raggiungere l'hotel per prendere possesso della nostra stanza e per fare riposare le nostre ossa (la sveglia è stata alle 4:00 e la giornata è ancora lunga).

In albergo incontriamo Luca, amico di Pisa che come noi si trova a Parigi per assistere al concerto di Jarre. Ci accordiamo per uscire alle 16:30 e ritornare tra le vie di Parigi in attesa del concerto.

A questo punto della nostra avventura la meta può essere solo che una... la TOUR EIFFEL

E' veramente maestosa ed affascinante tutta illuminata

Sono quasi le 18, noi siamo in anticipo per il concerto, e ai piedi della torre c'è poca gente... è un'occasione troppo ghiotta per non salirci... e infatti non ce la lasciamo scappare

Saliamo fino al secondo piano... a piedi.... 700 gradini... così ci siamo scaldati e non sentiamo freddo!

Torna all'indice>>

Il concerto

Dopo esserci sfamati ci dirigiamo verso il teatro che la sera si presenta illuminato da un bel Azzurro OXYGENE

C'è già un po di gente e le porte sono già aperte

Siamo al nostro posto... un'autoscatto artigianale ricordo

Ci viene ricordato che non è possibile fare foto ne video, ma si vedono scattare flash uno dietro l'altro e io allora non mi tiro indietro.

Lo show ha inizio

Uno spettacolo indimenticabile... non ho aggettivi per definirlo... solo grandissime emozioni

Dominique Perrier, Jean Michele Jarre, Claude Samard e Francis Rimbert si prendono i meritatissimi applausi dei 1000 presenti (sold out)

Alla fine del concerto attendiamo i musicisti per le foto e gli autografi

Io e mio fratello con Dominique Perrier

Luca con Dominique

Mi fratello si fa autografare la locandina da Francis Rimbert

La spedizione italiana di Jarre.it con Claude Samard

La spedizione italiana di Jarre.it con Francis Rimbert

Jean Michel Jarre firma gli autografi ma se ne scappa di corsa e non riusciamo a fare la foto assieme

Un bellissimo concerto, per il quale è sicuramente valsa la pena volare fino a Parigi

Il mio bottino della serata - La copertina del mio OXYGENE autografata

Torna all'indice>>

Il ritorno - Beauvais (Paris) - Orio al Serio

Il nostro rientro in Italia è pianificato alle 10:30 dall'aeroporto di Beauvais, ma il Bus Navetta parte da Port Maillot 3 ore prima... Alle 7:30 salutiamo quindi Parigi grati per le emozioni che ci ha fatto vivere in così poco tempo.

Alle 9:00 circa arriviamo in aeroporto e comincio a scattare qualche foto da dietro le vetrate

Il nostro volo:
Flight: FR4232
from: BVA
to: BGY
Aircraft: B737-800 EI-DPN

Non c'è una grande varietà di soggetti... solo ed esclusivamente B737-800 Ryanair

Riflessi e giochi di luce

"Bye Bye EasyJet"

Guarda chi sta partendo?... Un Ryanair

Un bel motorino

Altri riflessi

Ora tocca a noi alle 10 in punto viene aperto il gate e per primo mi avvio verso il nostro aereo

Passo davanti a EI-DLO e un agente di rampa mi fa notare che non posso scattare foto

Ma qualche foto la scatto comunque...

Ovviamente mi prendo un posto finestrino sul lato sinistro dell'aereo e continuo a scattare foto...

La nostra winglet

Rampista bionda

Quel poco di Cockpit che sono riuscito a intravedere

Alle 10:30 puntuali decolliamo

Prendiamo quota lentamente... voliamo per qualche minuto livellati ad una quota relativamente bassa, poi sentiremo la spinta dei motori aumentare e raggiungeremo quindi la quota di crociera.

Campagna francese

La cabina

Montagne e nubi in avvicinamento

Siamo in crocera e approfitto per consegnare alla Capo cabina (la stessa del volo di andata) il mio flight report

Il comandante è lo stesso del volo di andata e molto gentilmente mi fa dono del "Flight folder"

Ipotizzo che sotto queste nubi molto basse si nasconda un pezzo di Svizzera

Le Alpi si avvicinano

Lo spettacolo è assicurato con un tempo cosi nitido

Non riesco a riconoscere niente... però è bello

Locarno - Lago Maggiore

Locarno - Lago Maggiore

Il Lago di Lugano con il Lago di Como in lontananza

Il lago di Como ora si vede meglio

Questa mi piace proprio... l'angolazione è perfetta peccato per la nitidezza

Sorvoliamo Lecco... da qui avvertiamo che l'aereo comincia a scendere in maniera molto decisa

Fantastico vedo casa mia!!! In secondo piano c'è la Valle Brembana, è facile riconoscere Dossena e Santa Croce (il mio paese, frazione di San Pellegrino Terme), in basso invece c'è la valle Brembilla.

Con lo zoom 12X riesco ad immortalare meglio Santa Croce che è il paesino a destra e riconosco chiaramente casa mia. Il paesino a sinistra si chiama Spettino adagiato ai piedi del Monte Gioco o Zuccone, mente San Pellegrino Terme rimane nascosto nel fondovalle

Altra foto panoramica delle mie zone, dietro si vede la Valle Serina

Panoramica di Bergamo... si vede benissimo Città Alta al centro

Viste dell'aeroporto di Orio al Serio

Stiamo scendendo molto velocemente

In virata per allinearci

Scavalchiamo la A4 all'altezza di Bolgare...

L'impressione è che si tratti di un avvicinamento molto diretto...

In pochissimo tempo siamo a terra e al nostro parcheggio... dal finestrino riesco a fotografare, l'area DHL dello scalo bergamasco, con in primo piano OO-DLD Airbus A300B4

Il nostro volo è proprio finito ora tocca lasciare l'aereo

Scatto ancora qualche foto dal bus...

Non avendo nessun bagaglio da ritirare siamo subito fuori dall'aeroporto... pago il parcheggio e prima di tornarmene a casa fotografo gli aerei nel piazzale.

A320 Myair

B737 Air Berlin

CRJ-900 Myair

Torna all'indice>>

Scusate per la pesantezza del report!!

Spero di non avervi annoiato troppo, ma volevo condividere il più possibile questa mia bellissima esperienza con tutti voi appasionati di Jarre e di aviazione!

Alla prossima

 

Mirko Mosca e Mauro Mosca

www.flywebdesign.it